Corriere Valsesiano > Attualità > 16 milioni in Valsesia e Vercellese per la messa in sicurezza idrogeologica
Attualità Alta Valle Borgosesia Serravalle Varallo -

16 milioni in Valsesia e Vercellese per la messa in sicurezza idrogeologica

In Valle arriveranno complessivamente 9 milioni 187 mila euro

BORGOSESIA – 16 milioni di contributi per i Comuni dell’area vercellese, finalizzati a investimenti per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico: sono previsti dal Decreto del Ministero dell’Interno (Dipartimento per gli Affari Territoriali) emanato nei giorni scorsi.

«Un grande risultato per il nostro territorio, sintomo dell’attenzione che ci è riservata» dice l’on. Paolo Tiramani.

«Le domande sono state presentate nei mesi scorsi e riguardano la salvaguardia dei nostri Comuni: dal Vercellese alla Valsesia arriveranno contributi che permetteranno di mettere in sicurezza aree fragili. In Valle arriveranno complessivamente 9 milioni 187 mila euro, fondamentali, visti i pesanti danni subito con l’alluvione di ottobre».

Il dettaglio dei contributi nel territorio valsesiano

Il dettaglio dei contributi su territorio valsesiano: 2,5 milioni di euro a Varallo, 1 milione a Vocca e a Rimella, 880mila a Balmuccia, 850mila ad Alto Sermenza, 800mila a Scopello, 580mila a Rossa, 500mila a Borgosesia, 400mila a Campertogno e Rassa, 180mila a Serravalle, 97mila a Fobello. I Comuni hanno dieci giorni di tempo per confermare l’interesse, dopodiché i fondi verranno erogati in tre tranche: il 20% entro il 28 febbraio, il successivo 60% previa verifica dell’avvenuto affidamento dei lavori; l’ultimo 20% previa trasmissione al Ministero dell’Interno del certificato di collaudo rilasciato dal direttore lavori.
«A questo punto è importante essere rapidi nelle procedure di assegnazione degli appalti» aggiunge Tiramani. «I tempi sono chiaramente indicati dal Ministero, e sono compresi tra i 6 mesi per lavori fino a 100mila euro a 15 mesi per le opere fino a 2 milioni e mezzo: questo vuol dire che nel nostro territorio, dove i finanziamenti sono compresi tra questi due valori, al massimo tra poco più di un anno dovremo vedere i cantieri avviati. C’è ancora possibilità di avere altri fondi, nel 2022, per lo scorrimento delle graduatorie delle opere ammissibili: terrò sotto controllo anche questa ulteriore opportunità, in modo da attrarre tutti i fondi disponibili per migliorare la sicurezza delle nostre zone».

Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Notizia precedente
Notizia precedente
L’Unità di Crisi della Regione ha comunicato 1.155 nuovi casi di...