Seguici su

Attualità

Operativi a Gattinara gli ispettori ambientali

Pubblicato

il

GATTINARA – Da giovedì 8 febbraio sono operativi a Gattinara gli ispettori ambientali, funzionari incaricati dal COVEVAR con il compito di verificare che la raccolta differenziata avvenga in modo conforme alle regole, con l’obiettivo di incrementare la differenziazione dei rifiuti e, soprattutto, migliorare il decoro urbano, arginando in tal modo, l’abitudine di qualcuno di abbandonare i sacchi neri nelle vie pubbliche.

Il lavoro degli ispettori ambientali

Gli ispettori vigileranno sul rispetto dei calendari di raccolta, verificheranno situazioni di abbandono di rifiuti ingombranti e altre tipologie di rifiuti in luoghi appartati e in aree boschive e svolgeranno, soprattutto, attività di prevenzione.
Lo scopo non è quello di reprimere, bensì quello di migliorare la raccolta differenziata spingendo, da un lato, chi ancora non sta facendo la differenziata a dovere; dall’altro correggendo gli errori di conferimento che ancora vengono fatti.
In caso di errore, il sacco (o il mastello) non verrà ritirato e verrà apposto un biglietto di avviso: in questo modo chi ha commesso degli errori (per sbaglio o per scelta) dovrà riconferire i rifiuti in maniera corretta.

Migliorare e aumentare la raccolta differenziata è un elemento imprescindibile per il rispetto dell’ambiente che sta a cuore a tutte le Comunità.
Purtroppo, fisiologicamente alcune persone, per pigrizia o per disinteresse, non seguono le procedure di raccolta e differenziazione dei rifiuti. Tali comportamenti sono dannosi per il territorio e verso quei cittadini che scrupolosamente e con sforzo personale contribuiscono al raggiungimento di risultati ambientali e al decoro urbano attraverso un corretto conferimento dei propri rifiuti.

Le parole di sindaco e vicesindaco

«Così come già avvenuto anche in altre Città italiane, anche nel Comune di Gattinara – sottolineano il Sindaco Maria Vittoria Casazza e il Vicesindaco Daniele Baglione saranno operativi gli ispettori ambientali, tecnici specifici individuati dal Covevar.
Ancora oggi, purtroppo, qualcuno abbandona i rifiuti o deposita i sacchi senza l’utilizzo degli appositi contenitori dedicati, comportamenti che ledono il decoro urbano e, soprattutto, rappresentano costi extra di pulizia per tutti. Si tratta di un ulteriore passo avanti verso una corretta raccolta differenziata – concludono Casazza e Baglione – per questo crediamo che gli ispettori ambientali possano contribuire in modo significativo a migliorare la raccolta differenziata e a combattere la pessima e non tollerabile abitudine, di pochi, di abbandonare i rifiuti senza differenziarli».

E tu cosa ne pensi?

You must be logged in to post a comment Login

Lascia un commento

Pubblicità
Pubblicità

Facebook

Pubblicità

© 2023 Corriere Valsesiano - Iscrizione al Registro giornali del Tribunale di Vercelli nr. 14 del 20/11/1948
ROC: n. 25883 - ISSN 2724-6434 - P.IVA: 02598370027
Direttore Responsabile: Luisa Lana - Editore: Valsesiano Editrice S.r.l. - Redazione: via A. Giordano, n.22 - Borgosesia (VC)


La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui al d.lgs. 70/2017 e dei contributi di cui alla Legge regionale n. 18/2008. La testata ha beneficiato del credito d'imposta per le spese sostenute, anno 2020, per la distribuzione delle testate edite dalle imprese editrici di quotidiani e periodici.