Seguici su

Cultura

Paola Piola presenta il videoclip: Il calciatore di gol

Pubblicato

il

Mercoledì 20 febbraio il Rotary Club Gattinara, in Interclub con il Panathlon Vercelli, presieduto da Pier Luigi Pensotti, ha accolto un’ospite d’eccezione: la psicologa dello sport Paola Piola, figlia del grande calciatore vercellese Silvio Piola, l’ancora oggi imbattuto cannoniere della serie A (con 290 gol), nonché campione del Mondo nel ‘38 in Francia, protagonista di venticinque anni di calcio attivo, ma anche un uomo legato alla sua terra e alla sua famiglia, senza fronzoli per la testa, che ha sempre invitato ad essere coraggiosi, leali e soprattutto generosi, in campo e fuori: “Un padre che non amava raccontarsi, né essere celebrato”. A Silvio Piola era stato dedicato un bel libro, scritto da Lorenzo Proverbio nel 2004, e una grande mostra: momenti importanti perché, come Paola ha sottolineato: “La conoscenza della propria biografia rende più solidi nell’affrontare la vita”.

I due Club sono uniti da comuni valori etici e culturali: il Panathlon International, attraverso un insieme di sport, veicola i valori sportivi, ma soprattutto la solidarietà, che è tra gli obiettivi del Rotary International.

La serata è stata incentrata sulla presentazione di un videoclip: “Il cacciatore di gol”, del quale è protagonista l’attore Neri Marcorè, per l’occasione insieme ai pronipoti di Piola: Tommy, Lucia, Lorenzo, Jacopo e con gli Esordienti 2007 della Pro Vercelli, mentre l’attore vercellese Roberto Sbaratto interpreta l’allenatore. La sceneggiatura è di Paola Piola e Vanni Vallino, che ha curato la regia. Il videoclip era stato presentato il 18 giugno 2018 a Vercelli al teatro Civico e il 19 giugno 2018 a Novara al teatro Faraggiana e ha partecipato al campionato mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva in programma a Milano dal 14 al 19 novembre: «Al nostro video, che ha ottenuto la nomination è stata dedicata anche una serata evento a Milano, il 15 novembre, nel Palazzo Giureconsulti, in piazza Duomo” racconta Paola Piola. Il video contiene una canzone dedicata a Silvio Piola, scritta, parole e musica, da Toni Malco (Malco, tifosissimo della Lazio, dove Piola aveva militato a lungo, è l’autore dell’inno dei biancocelesti: “Vola, Lazio, vola”) con la collaborazione di Luigi Lopez, intitolata: “Il cacciatore di gol”.

Paola Piola sottolinea come il video sia il risultato di un progetto più ampio: IL MIO PALLONE – SPORT, EDUCAZIONE, CITTADINANZA, curato da lei e da suo marito Giorgio Gaietta, con il patrocinio del Comune di Vercelli, realizzato dall’Archivio Silvio Piola, con la collaborazione dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nel Biellese, nel Vercellese e in Valsesia e con il sostegno di: Fondazione Cassa di Risparmio di Vercelli, Fondazione Banca popolare di Novara, Città di Vercelli, Città di Novara, Football Club Pro Vercelli, Novara Calcio, S. Podistica Lazio, Panathlon Club Vercelli e con il patrocinio di : Coni, Comitato italiana paralimpico, Fondazione Museo del Calcio, Nazionale italiana di calcio. Il videoclip usato come strumento didattico-educativo, riprendendo la storia, la personalità e l’avventura sportiva di Silvio Piola, sa raggiungere i giovani: “Questo è un progetto che, pur volendo ricordare l’eccellenza sportiva di Silvio Piola, vuole rivisitare la sua avventura nel gioco del calcio in una prospettiva utile alle nuove generazioni. I nostri giovani infatti hanno bisogno di riappropriarsi dell’attitudine al sogno, di poter fantasticare il proprio futuro e di essere incoraggiati e sorretti nelle fatiche che implica poterlo costruire: nel corto ci sono proprio questi valori del mio papà ». 

Marcorè impersona Piola, che segue Tommy, passo passo, lungo un argine di risaia (con l’immancabile canna da pesca)  in casa (sfogliando un album di memorie delle imprese su tutti i campi di calcio del mondo) e ovviamente allo stadio “Piola”, dove a indicare ai giovani Esordienti della Pro tattiche e strategie c’è, appunto, nel ruolo di allenatore, Sbaratto.

Silvio Piola viene rappresentato come un uomo normale, non un super eroe, un padre dalle passioni semplici che, con il sorriso dolce di Marcorè, segue i piccoli calciatori invitandoli a seguire il suo esempio. Nella parte finale è proprio la voce di Silvio Piola ad esporre questi principi: “Il calcio è un gioco vario ed emozionante, tutti possono giocarlo…E’ un gioco educativo. Arricchisce le idee, la fantasia, le decisioni devono essere immediate…Riuscire a superare un insuccesso rafforza il carattere, ricordate superare un’ingiustizia, non farsi giustizia, servirà nella vita”.

Paola Piola ha concluso il suo intervento augurandosi che ritorni a prevalere lo sport, come motivo di crescita personale, perché, oggi spesso il calcio riflette proprio gli aspetti peggiori della nostra società: “L’epidemia tecnologica ha sommerso gli adulti, sempre più occupati in chat, in una comunicazione senza l’uso dei verbi, dove tutto è al presente: una logica del tutto estranea per chi come noi viene dalla risaia e sa che la crescita ha un suo tempo, i suoi bisogni e le sue cure, mentre oggi spesso ci si limita ad intrattenere i bambini. L’apprendimento è fatto di esperienze e quelle corporee non sono esperienze che possono essere social. E’ necessario recuperare i valori autentici, altrimenti i bambini giocheranno sempre di meno a pallone, essendo impegnati in attività solitarie, che non prevedono l’esperienza diretta, tanto che oggi i bambini spesso manifestano un impaccio motorio. Usiamo Silvio Piola, un atleta di eccellenza, per dire che è credibile la sua storia, non c’era nessuna differenza tra lo zio Serafino, maggiore di cinque anni rispetto a mio padre, che era l’intellettuale di famiglia e faceva il segretario comunale a Desana e mio padre, campione del mondo nel 1938: ognuno aveva realizzato il suo sogno”.

Pier Luigi Pensotti, Presidente del Panathlon Vercelli, ha donato alla Presidente del Rotary Club Gattinara, Carmen Lupo, nota commercialista vercellese, il libro che riassume sessant’anni di presenza attiva in città del sodalizio.

Trending

© 2022 Corriere Valsesiano - Iscrizione al Registro giornali del Tribunale di Vercelli nr. 14 del 20/11/1948
ROC: n. 25883 - ISSN 2724-6434 - P.IVA: 02598370027
Direttore Responsabile: Luisa Lana - Editore: Valsesiano Editrice S.r.l. - Redazione: via A. Giordano, n.22 - Borgosesia (VC)